Indice articoli


Ram
img015

La RAM è la memoria volatile del computer, ovvero quella su cui vengono caricati i programmi e i dati che vengono elaborati all'avvio del computer. È detta memoria volatile perché tutto ciò che vi è scritto si perde quando il pc viene spento. Un buon quantitativo di RAM consente generalmente di gestire più applicazioni contemporaneamente e, in caso di programmi che ne fanno uso massiccio, consente di elaborare progetti o dati di maggiori dimensioni, evitando di utilizzare la memoria virtuale quando quella fisica è terminata. La memoria virtuale (file di paging) è una zona dell'hard disk riservata al sistema operativo che viene utilizzata come una sorta di RAM aggiuntiva quando quella fisica è completamente occupata. Ovviamente l'accesso e la scrittura sull'hard disk o SSD richiede molto più tempo rispetto alla RAM quindi in queste situazioni si rallenta notevolmente il sistema. Questo è il motivo per cui solitamente si cerca di installare un maggior quantitativo di RAM e  in questo modo disabilitare anche la memoria virtuale.


Quantitativo: 2GB, 4GB, 8GB o 16GB?

Cerchiamo di capire quant'è l'effettivo quantitativo di memoria RAM di cui necessitiamo. Solitamente, per un sistema operativo, 2 GB di RAM sono sufficienti per le normali applicazioni. Ovviamente installando e mandando in esecuzione all'avvio del sistema operativo un grande numero di inutili applicazioni la RAM disponibile andrà presto esaurendosi. Sarà accortezza dell'utente evitare di caricare troppe applicazioni sulla system tray, limitandole a quelle strettamente necessarie. Al giorno d'oggi visto anche i costi molti più bassi di un tempo, consigliamo ormai almeno  4GB di RAM. Bisogna sempre considerare che con un sistema operativo a 32bit il massimo quantitativo di RAM che il sistema riesce a vedere è di 3,2GB, quindi se non utilizzate un sistema operativo a 64bit, quantitativi maggiori di RAM non verranno utilizzati. I quantitativi ottimali dipendono anche dal tipo di controller integrato nella CPU: per piattaforme LGA 2011, che utilizzano controller di tipo triple channel, i kit sono forniti in quantitativi multipli di 4: 4GB, 8GB e 16GB. Per tutte le altre piattaforme, con controller di tipo dual channel, occorre utilizzare kit multipli di due. È opportuno inoltre fare attenzione alle certificazioni, visto che alcuni kit sono espressamente dedicati a piattaforme LGA 1155 o AMD. L'installazione di quantitativi maggiori di 4GB è limitato a quelle persone che fanno un utilizzo di programmi molti esosi in termini di RAM, quindi elaborazioni di video o immagini ad alta risoluzione, rendering, o programmi di calcolo per simulazioni. Per la quasi totalità dei giochi e degli applicativi office, non sono necessari più di 4GB di RAM.



Tipo di ram:

Ormai la totalità delle piattaforme adotta un memory controller integrato che funziona solo ed esclusivamente con memorie DDR3

Dual channel e triple channel

Il dual channel è una tecnologia introdotta nelle DDR e nelle DDR2 che permette di accedere alla memoria attraverso due canali indipendenti. Questo permette a due periferiche di accedere indipendentemente alle memoria senza “rubarsi” la bandwidth a disposizione. Il quad channel è stato introdotto nelle DDR3 nelle piattaforme core i7, e a differenza del dual channel i canali sono 4. Per poter realizzare il dual (quad) channel occorre il supporto da parte della scheda madre e del chipset e occorre utilizzare coppie (quaterne) di moduli esattamente identici, generalmente già forniti insieme in appositi kit. Sebbene questa tecnologia sembri molto promettente in realtà gli incrementi prestazionali nelle applicazioni pratiche si limitano a pochi punti percentuale

Frequenza di lavoro e cas latency

Non ci addentriamo nei dettagli tecnici per i quali consigliamo la lettura di queste guide :


Ciò che è importante sapere è che una buona frequenza delle RAM può aumentare un pochino le prestazioni del sistema in quelle applicazioni che fanno uso abbastanza intensivo della memoria (giochi compresi). Ovviamente il beneficio è molto minore rispetto a quanto riesce a fare una  buona scheda video o CPU. Di pari importanza oltre alla frequenza sono i timings (tecnicamente cas latency) che rappresentano i tempi di accesso alla memoria in lettura e scrittura (e in particolare il numero di cicli di clock necessari per attivare la lettura e la scrittura della RAM). Questi parametri ovviamente devono essere più bassi possibile ma, aumentando la frequenza, potrebbe essere impossibile scendere al di sotto di un numero minimo di cicli di clock. Solitamente quindi è necessario trovare un buon compromesso. Spesso la frequenza della RAM è importante anche per l'overclock perché potrebbe limitare la frequenza massima a cui si riesce a portare il bus della CPU. Quindi generalmente RAM in grado di lavorare a frequenza più alta potrebbero essere preferibili rispetto alle RAM con timings più “tirati” ma di frequenza inferiore.

Visti i prezzi attuali delle RAM DDR3, si consigliano i kit da 1600Mhz con classe di latenza minore o uguale a 9 e capacità da decidere in base all'uso.



Marche e produttori dei chip

Le marche di RAM sono moltissime, ma queste aziende solitamente si limitano ad assemblare ed eventualmente selezionare e testare chip di memoria prodotti da terze parti. La bontà delle memorie dipende quindi specialmente dai chip che montano. Tra i più rinomati produttori di chip segnaliamo ovviamente Micron, che ha sempre prodotto chip dalle grandi performance e in grado di garantire un ottimo overclock. Non è facile sapere che chip sono montati su un determinato modello di RAM, teoricamente il modo migliore è togliere il dissipatore e vedere cosa c'è scritto sui chip. Questo però nella maggior parte dei casi invalida la garanzia e quindi non sempre si riescono a reperire le informazioni, se non specificate dal costruttore. Facendo alcune ricerche su internet comunque spesso si riesce ad individuare il tipo di chip. Spesso però questi potrebbero cambiare anche nello stesso modello e potrebbero esserne fabbricate versioni diverse con chip più economici via via che il prezzo delle RAM tende ad abbassarsi.